Siamo onde d’oceano. Finche immaginiamo che sia così. La verità è però un’altra. In Realtà, nessuna onda. Nessun oceano.
Home page Area abbonati Chi siamo Acquisti Aggiornamenti Newsletter Libri Contatti Carrello

Articoli spirituali

Video illuminanti

Meditazioni

Aforismi e pensieri illuminanti

Corsi di consapevolizzazione

Consapevolezza Spirituale

Realizzazione Integrale (Spirituale - materiale)

Spiritualità, Amore e sessualità consapevole

Tu Sei per te stesso il più grande dei Misteri,

il Principio di tutte le soluzioni

Il terzo paesaggio spirituale
Trasformare il rancore in Perdono
Trasformare i sensi di colpa in Amore
Risveglio della Coscienza: L'Origine spirituale
Divenire integralmente Amore e ScoprirSi Sua Origine,
questa è la Soluzione
Aprire il cuore all'Amore
La mancanza di Amore è il problema numero uno dell'umanità
La vita che è Amore non conosce timore
Non c'è Verità senza Amore, i dogmi sono figli della sofferenza
Essere Verità significa essere ogni cosa
Perché ci si dovrebbe Illuminare?
Non hai compiti, non hai missioni. Semplicemente Sii Felice!

LIBRI SPIRITUALI
BRANI TRATTI DAL LIBRO

Realtà e Amore

Articoli, aforismi, dialoghi e poesie spirituali per Discernere il Reale dal vero e l'illusione dagli abbagli

Siamo onde d’oceano.
Finche immaginiamo che sia così.
La verità è però un’altra.
In Realtà, nessuna onda.
Nessun oceano.

VIDEO CON BRANI TRATTI DAL LIBRO REALTA' E AMORE

VIDEO: IMMERGERSI IN SE'
LA SOLUZIONE NON E'ESPLORARE L'UNIVERSO, MA IMMERGERSI PROFONDAMENTE IN SE' ORIGINE DELL'UNIVERSO

VIDEO: REALTA' E TEMPO

VIDEO: ACCETTARSI -
AMA IL PROSSIMO COME TE STESSO, NON IMMAGINARLO DIVERSO DA TE

VIDEO: CONSAPEVOLEZZA SPIRITUALE -
CONSAPEVOLIZZARE, NON COLPEVOLIZZARE

VIDEO: FRAMMENTI DI SPIRITUALITA'

VIDEO: AIUTARE VERAMENTE
CHI CONOSCE LE SOLUZIONI SI OCCUPA, NON PREOCCUPA

VIDEO SUL VUOTO MENTALE

VIDEO SU DIO, L'ASSOLUTO:
TU SEI IO PER TE DIO E SEI LUI PER TE INDIVIDUO

ESSERE AMORE - AFORISMI ILLUMINANTI SULL'AMORE

Sommario del libro Realtà e Amore con link per brani da alcuni capitoli

- Riflessioni
- Felicità Suprema e felicità
- Naturale Naturalezza
- Libertà dal tempo
- Aiutare veramente
- Amare: Essere Amore
- Emozioni, sapere e manipolazione
- Destino del destino
- Vita Eterna e vita temporale
- Il libero pensatore
- Né giusto né sbagliato
- Chi governa il mondo?
- Solitudine
- Ignoranza-conoscenza
- Compassione
- Insegnamento spirituale
- La vita, i rapporti e l’Amore
- Esame dello stato di coscienza
- Conoscere se stessi e Se Stessi
- Gli insegnamenti dell’insegnante vita
- Verità e Felicità
- La TV come strumento consapevolizzante
- Ricerca, ricercatrice e via spirituale
- Liberazione dell’Anima?
- La vita che è Amore non conosce timore
- Reincarnazione?
- Accettarsi
- Separazione?
- Ascoltarsi
- Realtà e illusione
- Meditare
- Sussistere ed essere
- Trovare l’Amore Vero
- Percorrersi come individuo per scoprirSi Assoluto
- Chi sono in Realtà?
- ConoscerSi
- Sussisto Assoluto
- Frammenti d’ignoranza
- Amore
- Assoluto
- Bene
- Concetti
- Conoscenza
- Conoscere se stessi
- Consapevolezza
- Consapevolizzare
- Destarsi
- Dio
- Essere
- Felicità
- Individuo
- Maestro
- Mente
- Mondo
- Pace
- Pensare pensieri
- Personalità
- Realtà
- Ricerca
- Spiritualità
- Tempo
- Tutti frutti
- Unità
- Uno
- Verità
- Vita
- Dialoghi
- Tu Sussisti Origine della vita
- La Vera Identità
- Beatitudine e BenEssere
- Realtà e natura
- Risposta dal vuoto
- Di chi è la mente?
- Poesie
- Libertà
- Sottile percezione di puro essere

- Pianura totale della più alta vetta dell’essere
- Ogni andare e ogni venire è finito
- Cosa c’è di nuovo all’orizzonte?
- La Conoscenza non è Reale
- Tutto accade in Me
- L’Amare è Essere
- La mia natura è Libertà
- Ogni insegnamento mi sta stretto
- Questa vita vuole solo essere vita piena
- Liberati dai maestri
- Dialogo della mente, tra sé e sé
- In Realtà e in verità

***

La ricerca della Felicità Suprema senza tempo e della felicità nel tempo, è la sostanza del percorso spirituale vero.

***

Felicità è vuoto mentale totalmente pieno di Amore/Appagamento/Pace: tre modi diversi di definire la consapevolezza in salute, Naturale.

***

Felicità! Sempre uguale a se stessa. La felicità mutevole non è felicità.

***

Cerchi (tanto) la felicità?! Allora, perché te la fai sfuggire proprio ora-qui? Non è né futura né passata, non viene e non se ne va. È sempre adesso, estranea alla tripartizione del tempo, pressoché mai gustata nella sua interezza. Come potresti trovarla cercando di raggiungerla domani, o più in là?!

***

La felicità non è nelle piccole o grandi cose, è l’assenza di (attaccamento alle) cose.

***

La ricerca vera della felicità dissolve l’immaginaria separazione del mondo in interiore-esteriore, donando vita alla consapevolezza unitaria che sa di sperimentare sempre se stessa.

***

Essere Felicità è ritiro completo della consapevolezza (di sé) in sé, nel punto minimo in cui risiede il principio dell’io sono (biglietto senza ritorno della tratta esistenza individuale: concepimento – morte).

***

Essere felicità è compassione infinita, è Amare il prossimo come se stessi conoscendolo non diverso o diviso da sé, senza alcuna presenza altrui. La sofferenza è la malattia base dell’umanità. La felicità è la miglior medicina collettiva.

***

Vuoi essere integralmente Felicità? Riempire di sé tutto ciò che non le è d’ostacolo fa parte della sua natura. Svuotati da ciò che non è Felicità: legami, identità immaginata, emozioni nocive, pensieri superflui… e spontaneamente emergerà travolgente.

***

L’Amore riflette profondamente l’incomprensibilità di Dio senza possibilità di spiegarLo, è Sua Espressione

***

Scrivere serve nella misura in cui avvicina all’essere Amore, per ScoprirSi Dio. Lo stesso vale per leggere.

***

La Verità In Realtà sono Dio, ti renderà Felicità.

***

La libertà dal passato equivale a quella dal futuro, sono entrambi pensieri del presente, è affrancamento totale da ciò che è stato e da quello che sarà nella piena consapevolezza dell’Attimo presente.

***

Il tempo inizia e termina con l’individuo. Dalla sua percezione di esistere, verbalizzabile in forma di io sono, l’attimo presente si espande come tempo in e con ogni punto dello spazio. Così il principio io sono si proietta in forma di spazio riempito di universo: vibrazioni percepite come vibrazioni, energie e materia.

***

Libertà dall’accaduto, da ciò che accade e da ciò che accadrà, è Amore. Non conosce nostalgia, paure, malinconia, ansia, gelosia… È esente da emozioni diverse da sé. Amare è espressione piena delle potenzialità dell’ora-qui.

***

La libertà dal tempo implica la libertà da se stessi: la libertà libera da libero-non libero.

***

Aver memoria di sé è prigionia di per sé.

***

La convinzione di essere (in Realtà) chi è nato, fomenta l’illusione di essere chi morirà. Il timore del trapasso per fine inappellabile del soffio vitale, impedisce la resurrezione in vita.

***

In entrata, la porta del tempo conduce alla temporalità. In uscita al Senza Tempo.

***

La liberazione dal tempo non è fuga dal tempo. È renderne quieta la percezione, profonda la “dissoluzione”.

***

L’umanità ha bisogno di soluzioni, non di ulteriori preoccupazioni. Occuparsene con qualità rigenera il genere umano, preoccuparsene lo degenera. Chi conosce le soluzioni, si occupa, non si preoccupa.

***

Il problema dell’umanità è la superficialità. La soluzione è operare in profondità, dall’intimità dell’essere.  Dal regno dell’Amore.

***

L’Amore è veritiero. Non può esserci al cospetto della falsa percezione dell’esperienza di divisione. L’unità è sempre. Percepire la (presunta) separazione significa celarsi l’Amore.

***

Amare è piena percezione che il prossimo è parte di se stessi.

***

Amare non è solo piena consapevolezza che il conosciuto è uno con il “conoscitore”.  Amare è eguaglianza del conosciuto e del “conoscitore”.

***

Amare è Equilibrio, non equilibrismo.

***

Amare è la forza dei Forti, la forza è l’arma dei deboli.

***

Amare è la Forza della Pace: dove c’è Amore non c’è bisogno di forze di “pace”.

***

L’Amore è la risposta prima al puro percepirsi: essere Amore è percepirsi integralmente senza immaginarsi.

***

Amare è perdita totale della percezione di individualità.

***

Amare è totale assenza di paure. I timori non trovano spazio nel regno dell’Amore, sono l’opposto dell’Amare, indicano che c’è identificazione con il corpo fisico, forma massima del limitato. L’Amore è piena consapevolezza dell’Infinito.

***

La conoscenza diversa dall’Amore è sempre contaminata dalla manipolazione. L’immaginazione che il “conoscitore” sia diviso dal conosciuto la implica.

***

Percorrere la strada che porta allo stato in cui i pensieri sono eguali alle emozioni e il conoscitore al conosciuto, è la soluzione vera per non incappare nella trappola della manipolazione.

***

Il destino ottimale è l’Amore conosciuto come illusione, cioè la conoscenza che Dio è l’unica Realtà.

***

Vita Eterna-vite temporali, indissolubile matrimonio inSussistente: soltanto la Prima c’è Realmente.

***

Concepimento e morte sono unicamente inizio e fine del trascorrere della vita individuale (temporale), limitata espressione dell’Illimitato, confinata rivelazione nel tempo dell’Esistenza senza tempo (Vita Eterna).

***

Le facce del molteplice nascono e muoiono. L’Uno no, né il Totale (Totalità) né il Reale (Vita Eterna). Come potrebbe aver fine il senza inizio da sempre in essere e in Sussistere?!

***

In Realtà, nessuno viene al mondo e nessuno se ne va dal mondo. Cambia soltanto l’illusorio esprimersi della Vita. Ora attraverso un’onda, poi tramite un’altra. Sagge quelle che fruiscono di sé per viversi pienamente come Pace-Amore, per Scoprire la Vita Reale.

***

l mondo viene con l’individuo e scompare con lui. Ogni vita (individuo) è portatrice del proprio mondo.

***

Immaginare di essere (in Realtà) il principio io sono o peggio ancora soltanto il corpo, le emozioni e i pensieri, vela la “visione” dell’Eterno Te.

***

La vita Naturale non conosce esami. Non conosce esaminare, esaminarsi e farsi esaminare.

***

Amare incondizionatamente, indipendentemente dall’amato, perché l’amato coincide con l’amante, è bellissimo. Più precisamente, Naturale.

***

         Essere Felici(tà) a prescindere da ciò che accade, perché La si è, è meraviglioso. Meglio, è Naturalezza. 

***

         Conoscere ogni pensiero come ignoranza è libertà (dalla conoscenza). Naturale.

***

         Essere (in) Pace nel frastuono generale, perché nella consapevolezza che è Pace, anche il frastuono è sua totale Quiete, somma serenità. Veramente è Naturalezza.

***

Amare il prossimo come se stessi, perché lo si riconosce come se stessi, come apparizione in sé individuo, come elemento di Sé Totalità e come espressione di Sé Realtà, è splendido. A dire il vero è Naturale.

***

Amare Dio come se stessi, perché compiutamente consapevoli di essere il Figlio/Figlia che Ama Sé Padre/Madre, è più che soltanto magnifico. È Naturalezza.

***

         Essere felici per la felicità altrui, perché è scomparsa la percezione di separazione, sembra straordinario. Invece, è Naturale.

***

         Essere totale Appagamento, perché si è Naturalmente se stessi, sembra eccezionale. Invece è Naturalezza: Natura della consapevolezza di essere l’Uno.

***

Non sei né giusto né sbagliato, sei semplicemente ciò che sei.

***

Libero arbitrio?

Di chi?

***

Sembra che un’esigua minoranza tenga le redini del mondo. Invece, la mal governatrice sostanziale è soltanto una. Il suo potere è irrisorio rispetto a Sua Realtà (Assoluto), ma possedendo praticamente ogni mente può agevolmente mal dirigere il mondo quasi intero: pressoché tutti i mondi sono caratterizzati da lei. Ogni mente vive il proprio mondo: non nel proprio, il proprio. Il mondo è nella mente, non la mente nel mondo. Non solo tutto il mondo è paese: tutto l’universo è (nella) mente.

***

Quasi analfabeta, pretende di comporre il tema della vita riempiendolo di sbagli. Le menti mediamente (in)consapevoli promuovono però lo stesso i suoi errori come verità, anche quando inducono malessere, cioè praticamente sempre. La pandemia dell’analfabetismo collettivo è così scambiata per profonda conoscenza del linguaggio della vita.

***

Fin quando non ha trasceso ogni ideologia, il governante ideale è ben lontano dall’ottimale.

***

Divenendo integralmente Amore si aiuta sostanzialmente il mondo a liberarsi dalla miseria e dalla disuguaglianza sociale.

***

La Verità rende liberi: la piena sperimentazione di se stessi come Pace e Amore, nobilitata dalla compiuta consapevolezza di Se Stessi come loro Origine, non è condizionabile dai mal governi e ne riduce gli effetti infausti.

***

L’ignoranza fa sembrare la conoscenza ciò che non è, conoscenza.

***

L’ignoranza è molto cara, costa la vita. La conoscenza libera dal costo della vita.

***

L’ignoranza genera sofferenza.

La conoscenza libera dalla sofferenza.

La Liberazione redime dalla conoscenza.

***

L’ignoranza è peccato.

La conoscenza libera dal peccato.

Pecca il conoscitore che non si libera di se stesso.

***

L’Amore è la forma massima di conoscenza.

***

Sognare la realtà della vita è ignoranza.

Destarsi da questo torpore è Conoscenza, Amore.

***

Fin dove giunge la conoscenza non c’è Dio.

***

La conoscenza di esistere è la ragione di tutta l’ignoranza.

***

L’esigenza Naturale della consapevolezza è divenire integrale, Naturale.

***

Dato che le parole sono soltanto frammenti di consapevolezza, il vero insegnamento spirituale è l’Alternanza tra la consapevolezza integrale e l’Estinzione.

***

Per chi è Desto è sempre giorno ed è sempre notte per chi immagina di essere sveglio, perché non Discerne il Reale dall’irReale.

***

Indagando su se stesso in modo illuminante l’individuo scopre l’illusorietà di sé e la Realtà del Sé.

***

Osservando il mondo testimonio parte di me, non Me (tra l’altro, Io non ho parti).

***

La vita che sperimento, l’umanità che percepisco, l’universo che riconosco… sono elementi di me scaturenti da Me.

***

Chi Conosce l’Infinito non è impensierito dal finito. Perché inquietarsi per il temporale Vista la Propria Eternità?!

***

La morte dell’io è nulla per l’Io: maturare la consapevolezza che è così significa maturare spiritualmente.

***

La mia essenza percettiva è Amore: solamente libero da emozioni diverse dall’Amore sono veramente me stesso. In Realtà non sono nemmeno Amore: come Dio Sussisto Sua Origine.

***

La mia essenza percettiva (come individuo, chiaramente) è chiara consapevolezza di essere: Amore – Pace – pura Conoscenza. In Realtà però non sono la consapevolezza, ma il Sussistere, sua Origine.

***

In Realtà non sono il tempo-spazio, ma Sussisto loro Origine. Loro sono aspetti dello spontaneo manifestarsi della Mia Eternità - Aspazialità.

***

Amare incondizionatamente, indipendentemente dall’amato, perché l’amato coincide con l’amante, è bellissimo. Più precisamente, Naturale.

***

Essere Felici(tà) a prescindere da ciò che accade, perché La si è, è meraviglioso. Meglio, è Naturalezza.

***

Essere felici per la felicità altrui, perché è scomparsa la percezione di separazione, sembra straordinario. Invece, è Naturale.

***

Essere totale Appagamento, perché si è Naturalmente se stessi, sembra eccezionale. Invece è Naturalezza: Natura della consapevolezza di essere l’Uno.

***

Ogni “attimo” la mente si costituisce, mantiene e trasforma, e ogni volta si costituiscono in lei immagini diverse, il cui veloce susseguirsi dà alla mente stessa l’impressione che gli oggetti percepiti si muovano nello spazio.

***

Compiutamente Amore senza timore alcuno, la vita in Salute sta così. Libera da ogni identificazione e attaccamento. Coronata dalla piena certezza di essere irReale. Profondamente consapevole della Vita Reale (Reale Identità, Dio).

***

Immaginando la propria realtà, la vita diviene alimento prelibato per i propri timori. Cosa può, invece, temere la vita conoscitrice certa della propria irRealtà?!

***

La vita Sapiente non ha paura di spegnersi e fruisce di sé senza carico alcuno, certa di essere meno che infinitesimale rispetto alla Vita Reale, Unica Realtà.

***

Come Realtà Sei Genitore di tutti senza essere figlio e avo di nessuno.

***

La vita dovrebbe viversi in profondità, permanendo nel più immenso di se stessa, la cui estrema Leggerezza è tutt’altro che superficialità.

***

Accettarsi non significa approvare ciò che si immagina di essere, ma cessare completamente di vagheggiarlo.

***

L’immaginarsi diversi dal sé è la prigione del piacersi–non piacersi. Percepirsi pienamente è Amarsi, sénza minimamente fantasticarsi.

***

Accettarsi totalmente vuole dire perdonarsi completamente, per non produrre percezione diversa dal puro esserci.

***

L’accettazione finale è libera da idee sull’accettazione. Non è nemmeno accettazione. È trascendimento finale della dualità accettare–rifiutare. La Pace non conosce diversità da sé.

***

È sempre la consapevolezza che ascolta se stessa: per sentirsi pienamente non può differire in nulla dalla propria natura sostanziale.

***

La Realtà non è né là né qua: ogni luogo è nella mente.

***

Dove c’è mente non c’è Realtà. Ogni dove è nella mente, della mente.

***

Cercare di spiegare la Realtà è uno dei giochi più ingannevoli della mente. Indagando in modo illuminante su di Me la mente scopre la propria impotenza arrendendosi all’Incommensurabilità.

***

Accostato al sostantivo mondo l’aggettivo Reale è fuorviante, nei pressi dei sostantivi Dio e Assoluto è indicante.

***

Sognare la realtà del mondo è il peggiore degli incubi, la più grande delle allucinazioni.

***

Meditare bene non è soltanto un esercizio particolare. È soprattutto vita consapevolizzante.  La vita pienamente consapevole ha passato l’esame del meditare e gode della laurea meditazione massima.

***

Le resistenze a meditare sono resistenze all’Amore. Meditare qualitativamente obbliga la consapevolezza a permearsi d’Amore, ad esserlo integralmente.

***

La piena certezza di non essere, in Realtà, nulla di manifesto e sperimentabile, è segno che si conosce la Verità riguardo a Se Stessi Assoluto.

***

Maturandosi, la consapevolezza incontra integralmente l’Amore, perché Lo diviene completamente.

***

La (falsa) spiritualità è una gabbia dalle sbarre invisibili. Ben altra cosa è la Realizzazione.

***

In quanto Realtà, OgnUno è il Cercato (Dio).

***

Il percorso spirituale veritiero è la ricerca dell’Amore, come soglia per la scoperta della Reale Identità (Dio).

***

Il Cercato (Dio) Precede il ricercatore, che non può sperimentarLo, non può andare oltre se stesso e può trovare soltanto in sé.

***

Per Compiere il proprio cammino, l’individuo non deve fermarsi alla conoscenza su sé, ma deve maturare la piena certezza riguardo al Sé.

***

La prima Estinzione (della consapevolezza) è la prima scintilla di Illuminazione.

***

Sino a che il sé (o peggio ancora il “sé” - identità immaginata) si scambia per il Sé, (si) è carceriere di sé.

***

Il corpo è nel tempo-spazio, che avviene nell’individuo che è anche il contenitore del proprio universo individuale, mentre il Sé Sussiste sua Origine.

***

Amando(si), la consapevolezza scopre che, in essenza, è Conoscenza: Conoscendo(si) scopre di essere, in essenza, Amore.

***

La consapevolizzazione dell’Unità integra i vari processi della mente: armonizza le vibrazioni delle emozioni con quella dell’Amore, trasformando la varietà emozionale in Unicità d’Amore.

***

L’azione libera da aspettative riguardo ai frutti dell’azione caratterizza la mente pienamente Illuminata, Divenuta del tutto: agire liberi dal movente del risultato è un passo verso l’Illuminazione.

***

Tutti i sé originano dall’Unico Sé, Te.

***

Nel Saggio, azione, pensiero ed emozione concordano.

***

L’interrogativo Chi sono io? scaturisce dalla constatazione Io sono, ma la risposta riguardo alla Reale Identità, non riguarda la percezione di esistere dell’individuo, ma la sua Origine (Reale Identità). L’abbaglio di essere, in Realtà, chi percepisce di esistere, rappresenta l’identificazione con la consapevolezza ed è la base dell’identificazione con il corpo, le emozioni, i pensieri…

***

Bisogna quindi indagare su Ciò che Precede se stessi individuo, per Scoprire Se Stessi Assoluto, anche con la domanda: Qual è la Reale Identità?

***

Desideri la Felicità. Perché allora lavori per l'infelicità?

***

Quello che molti definiscono Amore Divino è il Naturale stato emotivo umano.  Chi ignora se stesso e Se Stesso attribuisce spesso a Dio ciò che Tu non sei.

***

L’Amore può sembrare irrazionale a chi non Lo Conosce.

***

L’Amore non è soltanto accettazione, ma constatazione imperturbabile, perché integralmente Pace.

***

L’Amore è accettazione trascesa in consapevolezza dell’Uno. Chi potrebbe accettare chi, quando soltanto Uno è?!

***

Finché permane il chiacchierio del “voler bene” non può esserci il Silenzio dell’Amare.

***

Servire con sofferenza provoca afflizione: offrire Amore genera Amore.

***

L’Amore implica l’assenza di paure. Perché temere di Amare?

***

InSapiente di Me stesso sono l’Origine di ogni conoscenza.

***

Il Vero Uniformare non è l’uniformare l’esistenza, ma Scoprire il Senza Forma.

***

L’unico Vero Nome è il Nome del Senza Nome.

***

Il fine non è scalare la società.

È immergersi compiutamente in Sé.

Là inizia ogni viaggio.

Là sei Senza fine.

***

La meta a cui ambire non è l’apice della società, ma la scoperta della Profondità senza fondo.

***

L’Infinito può essere conosciuto soltanto da chi può rendersi invisibilmente impercettibile.

***

I concetti servono alla mente che ne ha bisogno. Dovrebbe servirsene per liberarsene.

***

Chi cerca di spiegare Dio si illude di spiegare l’inspiegabile.

***

Compito vero dei concetti è esprimere Amore, indicarLo, non velarLo.

***

Il concetto paura di Amare è una giustificazione per non abbandonarsi a Dio.

***

Leggere tra le righe, per farle scomparire: questa è la sostanza della lettura illuminante.

***

La conoscenza è un modo di dissimularsi dell’ignoranza.

***

Il conoscitore percepito come tale fa sempre parte del conosciuto, espressione del Conoscitore.

***

TU precedi te stesso: tu Origini da TE.

***

Di Me non si può trovare traccia, ma il Saggio Mi testimonia.

***

Conoscersi soltanto come individuo significa ignorarSi.

***

Conosci te stesso significa conosci la tua illusorietà come individuo per Conoscere la Tua Realtà come Assoluto.

***

La consapevolezza pienamente consapevole di se stessa è integralmente anima pura, libera da ogni concetto.

***

Chi potrebbe andare, dove?! È tutto un gioco della consapevolezza, che in ogni luogo può essere solo con se stessa.

***

Per quanto sia consapevole, la mente può percepire soltanto l’illusione. La Realtà non è questione di consapevolezza Illuminata.

***

La consapevolezza riguardo all’Infinito non è l’Infinito. Come potrebbe essere Infinito ciò che è percepito dal limitato.

***

Consapevolizzare, non colpevolizzare.

***

Consapevolizzare il “punto” in cui sorge e scompare la consapevolezza: chi vuole scoprirSi Origine della propria Ricerca deve tendere a questo.

***

Ciò che è comunemente definito amore è un incubo. Chi Ama è Desto.

***

Rincorrendo il Risveglio ti impedisci la piena consapevolezza ora-qui, che fa parte dell’esistenza di chi è Desto.

***

Sei stanco perché dormi giorno e notte, continuamente. Svegliati è sarai sempre in riposo.

***

La strada per la sobrietà è ebbra d’amore per Dio.

***

Dio non è né in te né fuori di te.

Dio Precede il tempo-spazio.

In Realtà Lo Sei.

***

La comunione vera con Dio è la piena consapevolezza che Tu Sei inscindibile da te. Estinta anche questa consapevolezza, la comunione è perfetta.

***

Dio non vede, eppure ogni occhio è un suo telescopio, che la mente poco consapevole rende caleidoscopio.

***

La perdita dell’ “io” è un ritrovamento indispensabile per trovare Dio.

***

Dialogare bene con Dio è un passo verso il proprio cessare. La dualità è immaginaria.

***

Cosa vuole Dio da me?

Nulla.

Grazie a Dio.

Il dio che vuole qualcosa non è Dio.

Può la Perfezione aver bisogno di qualcosa?

***

Immaginare di poter fare a meno di Dio è come fantasticare di non avere genitori.

***

Dio è un appellativo per il Senza nome.

Come potrebbe esistere qualcosa come in nome di Dio?

In nome di chi sono allora le guerre sante?

***

In questo spazio vuoto, pieno solo di me, solo immaginare di poter incontrare qualcuno è un’enorme utopia. Ci sono solo io, senza esperienze diverse da me.

***

Passi la vita a cercare di capire, ma hai compreso che essere è più importante di comprendere?

***

La pura percezione di esistere dell’individuo è un peso rispetto all’assoluta assenza di percezione della Reale Identità.

***

La conoscenza di essere è la conoscenza di base. Come mai a scuola non ne parlano?

***

Inizio della percezione di esistere: principio dell’ignoranza, fine della conoscenza.

***

L’Amore è un epicentro infinito.

La Pace non è di qualcuno.  È assenza di ognuno.

Il puro esserci è di chi non si percepisce come uno perché è uno.

***

L’Eterno non ha tempo. L’Infinito non ha spazio.

***

Investire risorse per far felice l’identità immaginata è come far mangiare cibo avariato a un corpo malato. La felicità dell’identità immaginata è immaginaria. La vera felicità si presenta con la scomparsa dell’immaginaria.

***

Scendere e salire non fanno più parte di me.

Non ci sono scale.

Senza discese.

Pianura totale della più alta vetta dell’essere.

***

A scuola insegnano tante nozioni, ma non la nozione io sono, senza la quale non ci può essere alcun altra conoscenza. Questione di paradosso o di ignoranza?

***

Il luogo di residenza dell’individuo è lui stesso.

***

Cessare di immaginare la propria separazione dalla collettività è un enorme contributo al progresso globale.

***

La perdita totale e definitiva dell’attaccamento a se stesso è il guadagno massimo per l’individuo.

***

Il Maestro Reale non è né interiore né esteriore: poiché né l’interiore né l’esteriore tocca Dio.

***

Ritenersi maestro è fuorviante, immaginarsi allievo facilmente deviante.

***

Ognuno mi è maestro,

non mi riconosco in nessun maestro,

non mi riconosco maestro,

riconosco Dio unico Maestro.

***

Le parole non scaturite dalla mente Vuota sono vuote.

***

Più il vuoto della mente è percepito come pieno e più è vicina alla verità su se stessa.

***

Ovunque guardi, la mente vede se stessa.

Lo sguardo rivolto all’universo è rivolto dalla mente a se stessa.

L’universo è un suo modo di sperimentarsi.

***

L’universo pesa tanto quanto è pesante la mente in cui appare.

***

La mente libera da se stessa è libera da tutto.

***

La mente vagante è un vagabondo che girovaga in se stesso.

***

La mente è un cubo dalle innumerevoli possibilità limitate, non infinite.

***

L’ignorare la Naturalezza della mente crea l’impressione che lo stato della mente comune sia salute.

***

Quante menti possono spegnersi a piacimento?

***

Non hai compiti, non hai missioni. Semplicemente Sii Felice!

***

Ogni missione è un concetto, la Libertà è libera da concetti.

***

L’idea di avere una missione concerne la percezione/idea di essere un individuo, che è illusorio. L’Oceano è semplicemente l’Oceano.

***

Ritraendoti totalmente in te ti apri completamente al mondo (in te).

***

Più cerchi nel mondo e meno troverai, meglio cerchi Dio e più ti rivelerai.

***

Il mondo è soltanto un’immagine. Quando appare come Amore è nitida, altrimenti è sfuocata.

***

Chi non è Desto, dorme. Sognando il mondo, non può scorgere Dio.

***

L’individuo immune dal mondo è un portatore sano di Verità, ma pochi vogliono essere contagiati dalla Salute.

***

Il mondo esteriore non può essere toccato, perché non c’è. Si può tastare soltanto il proprio mondo, in se stessi.

***

In quale mondo vivi? In nessuno, il mondo esiste in me.

***

Le soluzioni vere non sono nel mondo.

Sono in Dio, Origine del mondo.

Cercale in Lui.

Saranno trovate quando avrai trovato Te Stesso.

***

La Pace non è la Realtà. La Pace non è né vicina né lontana dalla Realtà, che non ha confini.

***

Molti parlano di pace, ma quasi nessuno conosce la Pace, oppure parlano di guerre nel mondo, ignorando in gran parte il conflitto atomico in loro stessi.

***

Dissolvi la confusione e scopri la Pace: “oltre” ci sei Tu.

***

Ogni andare e ogni venire è finito.

Da dove veniva e da dove andava?!

Sensazione di essere,

motore di ogni viaggio,

essenza di ogni viaggiatore,

immobile in se stessa.

***

Pensando male la mente segmenta se stessa facendo a pezzi il mondo.

***

La facoltà di pensare caratterizza l’uomo. La capacità di non pensare il Saggio.

***

Pensare pensieri in modo di non aver più bisogno di pensare.

***

Il pensiero non caratterizzato pienamente dall’Amore è un allucinogeno sterile che castra la vita.

***

I pensieri diversi dall’Amore fanno immaginare la separazione. Ci può essere vera vita senza unità?

***

Adorando i pensieri ti celi la vista di Dio.

***

La consapevolizzazione della Realtà è il massimo atto creativo. Dissolve la creazione.

***

Precedente ogni qualità, la Realtà non ha valore. Eppure, scoprirLa ha un valore immenso per la mente, che così scopre il (non) valore della propria illusorietà.

***

La partenza comporta luogo e tempo. Il viaggio esprime luoghi e tempi. L’ “Arrivo” implica la scomparsa di ogni luogo e tempo.

***

Indispensabili per spiccare il volo e volare, per Arrivare le ali devono perdersi.

***

Chi non cerca il Sé?  Chi l’ha trovato, scoprendo Se Stesso. Gli altri, lo cercano tutti.

***

Vuoi scoprire Te Stesso? Smetti di immaginarti.

***

Sottile percezione di puro essere.

Netta sensazione di nullità piena.

Non può essere la Realtà.

Non La è, infatti.

Illusione (percepita) allo stato puro.

È questo.

***

La Ricerca impedisce il suo stesso compiersi.

***

Chi ha Trovato è fermo. La Ricerca è indice di smarrimento.

***

Se l’inferno esistesse veramente, il diavolo si trasferirebbe sicuramente sulla terra. Vista la sofferenza che c’è, sarebbe il suo habitat naturale, molto più dell’inferno stesso.

A dire il vero, l’inferno esiste veramente,  è la mente sofferente. Il mondo appare nella mente.  Dov’è il diavolo, allora?

***

La “spiritualità” ridotta a concetti che non trascendono se stessi è un percorso sterile che feconda solo abbagli.

***

Si fa un gran parlare di spiritualità, ma la spiritualità fa cessare ogni parola.

***

Il destino della vera spiritualità è il trascendimento della stessa.

***

La spiritualità conduce a perdere memoria di sé.

***

Tutta questa spiritualità. Quante storie. Ci vuole veramente tanto a essere Naturalezza?

***

Senza tempo non c’è futuro: non ho passato.

***

Ieri, oggi e domani sembrano reali solo a chi non conosce l’Eterno.

***

Riempire il tempo impedisce di scoprirne il Vuoto.

***

Sulla globalizzazione: impossibile diffondere benessere esportando avidità.

***

Meditare in solitudine significa smettere di immaginare la molteplicità.

***

Non vi sono né inizio né fine per chi non le immagina: ogni ente immaginante inizia e termina.

***

Continuando ad ascoltare le domande non si possono udire le risposte.

***

Il cambiamento del destino è proporzionale alla modificazione del pensiero. Il suo trascendimento è determinato dalla misura in cui cessa il pensiero.

***

La mente cieca all’Unità oscura la vita.

***

Niente incroci, nessuna svolta vitale, nella consapevolezza unitaria.

***

L’unità esiste soltanto dalla prospettiva della (presunta) molteplicità. Cosa potrebbe essere unito a cosa, poiché solo Uno è?

***

Preoccupandosi della (presunta) molteplicità, la mente si aggroviglia nei propri labirinti. Occupandosi di conoscere l’Unità si libera dal fantasma molteplicità.

***

La vera solidarietà inizia con la fine della percezione di separazione.

***

L’universo sembra infinito alla mente che lo ignora in sé. La mente che conosce i propri limiti conosce quelli dell’universo, che sono i suoi, e la sua infondatezza, che è la propria.

***

La Soluzione non è esplorare l’universo, ma immergersi profondamente in Se Stessi Origine dell’universo.

***

Più la mente è sgombra dall’universo, più può sperimentare la pienezza dello spazio, in lei.

***

In quanti siamo? Uno.

***

Ogni parola è espressione della Verità, ma rare sono verità.

***

Verità su Dio: Dio È senza verità.

***

Sino a che c’è sforzo non ci può essere Verità.

***

Cessare di immaginare la divisione tra cielo e terra, uccide la morte, orizzonte ultimo della vita.

***

Alcuni riempiono la vita di parole, affogandola in esse.

***

La vita è un sogno. Dura un attimo soltanto. Eppure sembra reale e durare una vita intera.

***

La vita veritiera è immune dalle definizioni sulla vita. Può esprimerle lucidamente, non esserne contagiata.

***

La vita saggia si lascia vivere liberamente senza immaginare che vi sia qualcuno che la vive.

***

Pur essendo l’Origine di ogni sapere,

non posso affermare nulla,

Io Assoluto.

La fonte del fiume non può dissetarsi a valle.

COME ACQUISTARE IL LIBRO

Sommario del libro Realtà e Amore

- Felicità Suprema e felicità

- Verità e Felicità

- Libertà dal tempo

- Aiutare veramente

- Amare: Essere Amore

- Emozioni, sapere e manipolazione

- Il libero pensatore

- Destino del destino

- Vita Eterna e vita temporale

- Né giusto né sbagliato, semplicemente quello che sei

- Chi governa il mondo?

- Solitudine

- Ignoranza e conoscenza: conoscenza è ignoranza

- Compassione

- Insegnamento spirituale

- Esame dello stato di coscienza

- Conoscere se stessi e Se Stessi

- Naturale Naturalezza        

- La tv come strumento consapevolizzante

- Vita, rapporti e Amore

- Ingresso 10 EUR a persona.

- Liberazione dell’Anima?

- La vita che è Amore non conosce timore

- Reincarnazione?

- Accettarsi     

- Separazione?

- Ascoltarsi

- Realtà e illusione

- Meditare

- Sussistere ed essere

- Trovare l’Amore Vero

- Società, istituzioni e divenire

- Percorrersi come individuo per scoprirSi Assoluto

- Io sono - Chi sono io? – qual è la Reale Identità?

- Vero malessere e Vero BenEssere

- Chi sono in Realtà?

- ConoscerSi

- Sussisto Assoluto

- Tu Sussisti Origine della vita

- La Vera Identità

- Beatitudine e BenEssere

- Realtà e Natura

- Risposta dal vuoto

- Di chi è la mente?

- Amore

- Assoluto

- Bene

- Concetti

- Conoscenza

- Conoscere se stessi

- Consapevolezza

- Consapevolizzare

- Destarsi

- Dio

- Essere

- Eterno

- Felicità

- Io sono

- Individuo

- Maestro

- Mente

- Missione

- Mondo

- Pace

- Pensare pensieri

- Realtà

- Ricerca

- Sofferenza

- Spiritualità

- Tempo

- Tutti frutti

- Unità

- Universo

- Uno

- Verità

- Vita

- Libertà

- Sottile percezione di puro essere.

- Pianura totale della più alta vetta dell’essere.

- Ogni andare e ogni venire è finito.

- Cosa c’è di nuovo all’orizzonte?

- La Conoscenza non è Reale.

- Tutto accade in Me.

- L’Amare è Essere

- La mia natura è Libertà

- Ogni insegnamento mi sta stretto.

- Questa vita vuole solo essere vita piena.

- Liberati dai maestri.

- Dialogo della mente, tra sé e sé

- In Realtà e in verità

Condividi questa pagina su Facebook
Il segreto di Nikola Tesla Sri Nisargadatta Maharaj Krishnamurti-MenteLibera Osho - The Movie
Ranjit Maharaj 1
U.G. Krishnamurti UG Krishnamurti - you see
Madre Teresa di Calcutta Talks with Nisargadatta Meher Baba Interview Ghandi
OSHO: Absolutely Free Padre Pio vivo 1
Krishnamurti - Il Risveglio
Krishnamurti
Maharishi Mahesh Yogi Padre Pio - l'Eucarestia Thich Naht Hanh Carezza- Giovanni XXIII
Ultima messa di Padre Pio
Anandamayi ma Meher Baba with Lepers
Video spirituali
Copyright 2003-2010 Andrea Pangos